Sign in / Join
0

Focus - SCI Prophet-5: i primi 40 anni del profeta!

Prophet-5Uno dei synth più conosciuti e più replicati, dopo il Minimoog, è sicuramente il Prophet-5 della Sequential Circuits (SCI), che pochi mesi fa ha compiuto ben 40 anni dalla sua uscita. Per celebrare l’evento ho deciso di redigere questo piccolo focus con capitoli dedicati alla genesi del sintetizzatore americano, al suo valore attuale nel mercato del vintage e informazioni su una serie di emulazioni hardware/software per piccoli budget. Siete pronti a partire?

 

PROPHET-5: LA GENESI

Nato dalle menti di Dave Smith e John Bowen nel 1977, è stato il primo sintetizzatore analogico polifonico completamente programmabile. Il suo successo si deve, quindi, alla polifonia a cinque voci e alla possibilità di memorizzare e richiamare le patch. Dal Prophet-5 nacque la derivazione del mastodontico Prophet-10, un sintetizzatore a doppio manuale con ben 10 schede per altrettanti voci di polifonia (un traguardo impensabile per l’epoca).

Prophet-5

Il sintetizzatore Prophet-5

 

CARATTERISTICHE IN PILLOLE

La prima versione esordì al Winter NAMM del 1978: dotata di uno chassis realizzato in legno di Koa figurato, nel pannello comandi affollato di controlli spiccava la sezione sopra la tastiera, composta da una serie di switch per memorizzare/richiamare i Preset ed organizzarli in una serie di banchi; nello specifico, un display a due caratteri per sette segmenti ciascuno supporta l’utente mostrando rispettivamente il banco e il Program in uso. Il cuore del Prophet-5 era il processore Z80 di Sinclair (qualcuno ricorda lo Spectrum?), in grado di controllare tutti i moduli del sintetizzatore.

 

Prophet-5

L'home computer ZX Spectrum di Sinclair, basato sul processore proprietario Z80

 

A ciascuna delle cinque voci di polifonia di un Prophet-5 sono assegnati due VCO sincronizzabili o impiegabili nella inedita per l’epoca modalità Poly-Mod, in cui il secondo oscillatore e l'inviluppo ADSR del filtro modulano la frequenza, l'ampiezza dell'impulso e il filtro del primo. Sui due oscillatori è possibile selezionare forme di onda quadra o a dente di sega, ma sul secondo oscillatore si può impostare anche un’onda triangolare. La catena per ogni voce è completata da un generatore di Noise, filtro passa-basso a 24 dB per ottava, un LFO e una coppia di generatori di inviluppo per il filtro e lo stadio VCA.

 

prophet-5

Il Prophet-5 sul palco con Tony Banks dei Genesis: fu usato negli album "Abacab" e "Mama"

 

Il PROPHET-5 IN USO

Anche se il Prophet-5 nasceva senza MIDI, era possibile installare una scheda interna dedicata che lo rendeva senza dubbio uno strumento moderno, una svolta nel mondo dei sintetizzatori. Per questo motivo è possibile ascoltarlo in pressoché ogni genere musicale, dal progressive rock, al pop, al funky, alla fusion e alla musica sperimentale. La lista dei musicisti che l’hanno utilizzato per incidere i propri successi è lunghissima: Tony Banks, Geoff Downes, Michael Jackson, Abba, A-ha, Casiopea, Chicago, Depeche Mode, Joe Zawinul, Joy Division, Kraftwerk, Wally Badarou e Mike Lindup (Level 42), Jean Michel Jarre, Pink Floyd, Richard Barbieri, Vangelis, Yes e tanti altri. Dopo oltre 6.000 esemplari realizzati, la produzione del Prophet-5 fu cessata nel 1984.

 

prophet-5

Mike Lindup del Level 42 in azione nel 2009

 

IL PROPHET OGGI

Dave Smith, probabilmente lusingato da questo proliferare di cloni, ha fondato nel 2002 la Dave Smith Instruments (DSI), rimettendo il proprio genio e la propria esperienza a disposizione degli appassionati di synth; nel 2018, in concomitanza con i festeggiamenti per i 40 anni del Prophet-5, l’azienda è stata nuovamente ribattezzata Sequential. Tra i sintetizzatori realizzati recentemente da Dave Smith segnalo il Prophet ‘08, il Prophet 12, il Prophet 6 o i nuovi modelli Prophet X e XL, moderni synth rigorosamente real analog, ma anche con una parte digitale importante.

 

prophet-5

Lo staff Sequential riunito per i 40 del Prophet-5: il primo a destra è John Bowen, mentre il terzo è Dave Smith

 

IL PROPHET-5 VINTAGE

Il Prophet-5 fu proposto nel 1978 a un prezzo di vendita di 3.995 dollari (circa 15.000 dollari odierni). Le quotazioni dei Prophet-5 sul mercato dell’usato oggi sono elevate: i prezzi vanno facilmente oltre i 3000 € e compaiono saltuariamente sui mercatini dei Prophet-5 Rev3. Il prezzo sale ulteriormente se si cerca un Rev2, apprezzato per la caratteristica timbrica e per il suono dei filtri SSM, ma piuttosto instabile, o uno dei 182 Rev1 prodotti a mano, autentici pezzi da collezione che pongono grandi problemi di manutenzione e stabilità dell'intonazione. Ovviamente quando si decide di acquistare uno strumento elettronico vintage bisogna ricordare che si tratta di apparecchi con oltre 30 anni di età. Quasi sempre è possibile farli riparare da tecnici specializzati, ma non sempre la reperibilità dei circuiti integrati di ricambio è semplice ed economica. Se avete un piccolo budget, forse conviene buttarsi su un’emulazione hardware/software: ecco una serie di proposte comparse in tempi più recenti.

 

 

LE REINTERPRETAZIONI

Sul mercato sono apparse versioni virtuali del Prophet-5 di ogni genere. Creamware Pro 12 è un virtuale in formato hardware, tabletop. Pro Five di Native Instruments è stato tra i primi in formato plug-in VSTi, successivamente aggiornato alla versione Pro52 e Pro53, ma attualmente abbandonato dalla software house teutonica. Wave Alchemy Pro II è una versione campionata per Kontakt e Reason. Il vantaggio del formato multisample rispetto all'emulazione è il suono di un Prophet-5 reale, ma il comportamento in fase di tweaking è diverso e la catena di sintesi è snaturata.

 

prophet-5

Il sintetizzatore Creamware Pro-12

 

La software house tedesca u-he ha realizzato Repro, una doppia emulazione che include – oltre al Prophet-5 - anche il modello Pro-One. Ne esistono anche versioni freeware come Prophanity di Chris Roberson (RAS) e Prophet 2010 per Reaktor. Studio Electronics (quella dei synth, non quella dei microfoni) ne ha progettato addirittura uno real analog in formato rack, già MIDI e con implementazione che consente di ricevere program via sistema esclusivo. Ne esiste infine una versione per iPad: Professor di Twisted Electrons. Tuttavia, la versione più recente e più accessibile del Prophet-5 è sicuramente quella di Arturia, basata sulla tecnologia proprietaria True Analog Emulation (TAE).

 

prophet-5

Il sintetizzatore Studio Electronics P-Five

 

ARTURIA PROPHET V

Con una spesa di 149 € ci si porta a casa l’emulazione del Prophet-5, ma anche la virtualizzazione di un’altra pietra miliare di SCI: il Prophet VS, primo synth in sintesi vettoriale. I due motori possono funzionare anche in modalità ibrida, cioè utilizzando contemporaneamente funzioni di uno e dell'altro synth nella stessa patch. É ovviamente disponibile sia per Windows che per Mac, opera in modalità stand alone oppure come plug in formato VST, Audio Unit e AAX.  Arturia ha replicato in virtuale tutti i parametri dei due synth originali ed è persino possibile importare in formato SysEx le patch programmate su Prophet-5 e Prophet VS. Questo ci permette di confrontare direttamente i due motori di sintesi, da una parte quelli hardware e dall'altra l'emulazione software.

 

prophet-5

Il Prophet V di Arturia con le due emulazioni disponibili

 

CONCLUSIONI

Arturia riesce a riproporre la pasta dei due synth originali, in particolar modo l'OSC Sync che ha reso famoso Prophet-5 e le sonorità evolutive abbellite dal morbido filtro Curtis del Prophet VS. Come sempre quando si parla di emulazione, se cercate esattamente quel suono, non optate per un clone, ma cercate lo strumento originale sul mercato del vintage. Se invece siete interessati più all'integrazione con la DAW, alle molteplici modulazioni, al processore multi effetto integrato, alla possibilità di fare sintesi vettoriale con tre oscillatori wavetable e uno del Prophet-5, al poter mettere in serie i due filtri e perché no, salvaguardare il proprio conto corrente, Prophet V è sicuramente la scelta migliore.

 

 

Per concludere, vi segnalo che fino al 5 dicembre, la V-Collection di Arturia con incluso il Prophet V è proposta a un prezzo di 249€: un’occasione ghiotta per accaparrarsi una corposa libreria con 20 emulazioni ben sonanti. In ogni caso, tanti auguri al Prophet-5!

 

INFO

 

LEMI
MIDIWARE

 

Leave a reply