Inizia l'anno e subito ripartono le macchine del settore che, dopo il periodo natalizio tutto concentrato sulle vendite per case produttrici e distributori, ora guarda già all'appuntamento di fine mese con il Winter NAMM 2019 di Los Angeles dove verranno impostate e lanciate le tendenze ed i prodotti che domineranno quest'annata.
Facile fare i riepiloghi a fine anno, meno facile fare previsioni, ma qualche tendenza possiamo già vederla all'orizzonte ed allora in questo articolo vediamo cosa potrebbe attendere noi chitarristi sempre alla ricerca di novità per alimentare la nostra passione.

ANALOGICO VS DIGITALE

Se dal 2010 al 2016 il digitale sembrava aver sorpassato a gran velocità l'analogico, negli ultimi 2-3 anni il buon vecchio analogico sembra aver recuperato terreno ed un gran numero di appassionati sono tornati all'ovile. Kemper, Axe FX, Headrush, Helix e compagnia degli emulatori hanno sempre la loro bella fetta di mercato, però diciamo che il loro tasso di crescita sembra essersi calmato, e la sostituzione quasi totale prevista da molti nel mondo amplificazione sembra ora molto più lontana o forse addirittura evitata. Questo perchè anche il mondo dell'amplificazione analogica ha saputo reagire con soluzioni sempre più efficaci e versatili, oppure puntando su di una qualità altissima e senza compromessi.

 

kemper modeling chitarra amplificatori strumenti musicali

Kemper è stato uno dei vincitori della sfida degli ampli modeling ma ora dovrà presentare qualche novità per tenere alta l'attenzione sul suo brand

Quello che possiamo aspettarci quindi, come è già accaduto nel mondo dei pedali ed effetti ad esempio, per il mondo dell'amplificazione di quest'anno è la continuazione di questo trend che vede una sempre maggiore penetrazione del digitale nella fascia di prezzo media, quella attorno ai 1000 euro, mentre una decisa ripresa per i valvolari e analogici nelle due fasce contigue. In fascia alta il valvolare vincerà, con nuove proposte di altissimo livello per chi vuole e può spendere molto e non badare a compromessi (vedi ad esempio l'ottimo riscontro dei combo Mesa Fillmore 25 e 50). In fascia medio-bassa invece potranno avere successo quelle case che riusciranno a produrre ampli valvolari di buona qualità e versatilità tra 400 e 800 euro (vedi ad esempio il BluGuitar Amp 1).

 

mesa boogie fillmore 25

Uno degli ampli valvolari più riusciti e di cui si è più parlato nel 2018, il Mesa Boogie Fillmore 25

PEDALI ED EFFETTI MERCATO SATURO

Walrus Audio monument tremolo pedali strumenti musicali

Walrus Audio è uno dei marchi di pedali attualmente più in crescita

Inutile dire che per noi chitarristi più roba c'è in giro e più siamo contenti. Per noi l'effetto sazietà è un concetto molto relativo. Tuttavia non possiamo non notare che negli ultimi anni la proliferazione di pedali per chitarra e basso ha avuto l'effetto di saturare il mercato non tanto per la ricezione del pubblico, che sembra molto attento e preparato ora come non mai su questo tipo di accessori, quanto per i negozianti, che non sono più in grado di gestire la grande quantità di marchi e modelli attualmente in commercio. Abbiamo un'intera galassia molto variegata di soluzioni per qualsiasi tipologia di suono, tanto che le novità veramente sconvolgenti sono sempre meno. Sia nel mondo analogico che quello digitale la chitarra ha vissuto dai primi anni Duemila ad oggi un vero e proprio Rinascimento dal punto di vista timbrico, paradossalmente proprio in un periodo di discesa del trend chitarristico dopo la sbornia anni '80 e '90.

 

La tendenza generale quindi dei negozi più grandi è quindi quella di concentrarsi sui marchi che "si vendono da soli", mentre i negozianti di dimensioni medie e piccole sono il posto giusto dove andare a ricercare la grande offerta di pedali boutique di altissima qualità che oggi è sempre più ampia e completa. Il mercato online invece è in continua ascesa, anche se con un'offerta sempre più ampia devo dire che la prova personale è tornata un elemento decisivo, nonostante la marea di video dimostrativi di cui disponiamo. Diciamo che il mercato degli effetti si è trasformato quasi in una sartoria personale, dove andando in negozio potremo parlare con un esperto e spiegargli le nostre esigenze o cosa vorremmo ottenere ed il negoziante ora deve essere sempre più bravo a trovare la soluzione più adatta anche combinando più effetti o realizzando appositamente pedaliere specifiche per ogni progetto.

xotic pedali chitarra strumenti musicali

Il mondo dei pedali USA è sempre leader, con Xotic tra i più apprezzati al momento

CHITARRA, LE 'VECCHIE' 6 CORDE NON TRADISCONO MAI

Già a partire dagli anni '90 la sperimentazione in campo chitarristico su altri formati a 7 corde aveva regalato emozioni particolarmente intense. Inutile ora ricordare qui cosa sia stato per il mondo della musica l'arrivo di un alieno come Steve Vai e poi di gruppi come i Korn, che hanno generato una vera e propria scossa tellurica grazie a quella settima corda più bassa. Poi negli anni 2000 sono arrivate le chitarre a 8 e 9 corde ed il trend sembrava veramente in crescita, tanto che qualche anno fa, soprattutto in alcuni generi di metal e fusion, i chitarristi che si limitavano alle 6 corde sembravano quasi destinati a diventare minoranza. Quasi tutti i brand si stavano adattando a questo trasloco ma, come spesso capita, anche se spinto a più non posso questo mercato non è riuscito a sfondare definitivamente e, ad oggi, rimane ancora una nicchia.

 

Fender Giappone novità strumenti musicali

Novità particolari potrebbero arrivare da mercati lontani come quello giapponese o da serie interessanti come le Fender Parallel Universe

La reazione è stata un ritorno deciso sulle 6 corde, con anche l'effetto collaterale non propriamente positivo di rallentare il processo di ricerca e l'uscita di novità. Per questo anno nel mondo chitarra è molto probabile che il trend continui, con un ritorno ancora più determinato sui classici. I marchi tradizionali come Fender e Gibson, nonostante tutte le loro difficoltà societarie che conosciamo, sono quelli che più hanno da guadagnare. I modelli reissue e le serie sempre-verdi probabilmente la faranno da padrone, con qualche sorpresa che potrà spuntare qua e là ma senza particolari novità tecnologiche all'orizzonte dopo che le chitarre elettroniche, munite di Autotune, con accordatura digitale, conversione MIDI integrata e modelling hanno dimostrato di non essere per ora la soluzione alla "crisi" del mondo chitarra.

 

gibson chitarra elettrica strumenti musicali

Per Gibson la parola d'ordine del 2019, dopo il rischio di fallimento dello scorso anno, è "Ritorno alle Origini"

Il vero trend del 2019 potrebbe quindi essere una nuova esplosione dell'usato, che in realtà non è mai sceso, ma già diversi grossi player ora si stanno muovendo nel nostro Paese per creare piattaforme sempre più efficaci di intercettare, valutare, comprare e vendere l'usato, poichè dal punto di vista dei negozianti il margine su questo tipo di prodotti a volte, sembra strano dirlo, è più alto che sui prodotti nuovi e quindi non mi stupirebbe vedere diversi negozi spingere quasi più l'usato quest'anno che il nuovo.

Leave a reply