Sign in / Join
0

FOCUS - Modartt Pianoteq 6 Update: il nuovo Petrof 275!

Ant. Petrof 275 è l'ultimo modello di pianoforte introdotto da Modartt su Pianoteq 6, con l’update alla versione 6.2.2. La riproduzione è autorizzata da Ant. Petrof e riproduce fedelmente la sonorità di questo fiore all’occhiello del famoso costruttore della Repubblica Ceca.

 

Pianoteq 6

 

Questa serie di Grand Piano é costruita secondo tecnologie all’avanguardia e sfrutta diversi nuovi brevetti, una tavola armonica in abete massiccio e leggerissimi ponti in acero che garantiscono una eccellente risposta sia nel registro grave che in quello acuto.

 

 

FEELING

Modartt prosegue il suo percorso di riproduzione fedele del suono e del comportamento dei pianoforti più famosi ed apprezzati al mondo. É importante ricordare infatti che il fine ultimo di Pianoteq non é quello di creare un bel suono di pianoforte o la fotografia più fedele di un determinato strumento. Questo é quello che accade con i migliori multisample in commercio. Quello che rende Pianoteq unico, e in generale tutti gli strumenti a modelli fisici, é la fedele risposta all’esecuzione dell’interprete. Suonando un modello di pianoforte si percepisce l’influenza della tavola armonica, della cassa di risonanza, dei materiali costruttivi, delle scelte meccaniche adottate, caratteristiche che cambiano pesantemente da modello a modello. Se volete saperne di più riguardo all'offerta di modellazioni insite in Pianoteq 6, potete leggere il mio approfondimento dedicato agli Instrument Pack.

 

Pianoteq 6

 

LA PROVA

Il suono del Petrof 275 di questo modello suona particolarmente bilanciato e gradevole. Nel registro grave il suono é pieno e rotondo, caratteristiche che contraddistinguono questo grand piano e lo diversificano dagli altri presenti in lista. Il decadimento é lungo e naturale, ricco di armoniche, più complesso se confrontato con quello dello Steinway Model D. Nel fortissimo, soprattutto coi puntati, compaiono risonanze armoniche metalliche gradevoli che conferiscono grinta al timbro. Nel registro medio il Petrof 275 mostra tutto il suo carattere romantico, con pianissimi delicati, morbidi, ma mai sordi, nemmeno sfiorando i tasti.

 

Pianoteq 6

Il menu delle opzioni MIDI in Pianoteq 6

 

Crescendo di dinamica il timbro si apre, acquista energia, senza però mai perdere eleganza. Nel registro acuto possiamo apprezzare piacevolmente una spiccata presenza di armonici. Il suono é frizzante e aperto, sia nell’attacco che nella risonanza, soprattutto con pedale di sostegno abbassato. La riproduzione della vibrazione delle corde più corte e del suono della percussione dei martelletti che si spandono all’interno del pianoforte é così realistica che chiudendo gli occhi sembra proprio di avere davanti a sé il pianoforte. Questo non vuol dire che il suono di questo modello sia metallico e aggressivo. Tutt’altro, il timbro é brillante quanto basta, su una base armonica solida e rotonda.

 

Pianoteq 6

 

La prova si è svolta impiegando un controller MIDI Roland A-88 e un pedale sustain a controllo continuo, ma vi ricordo che Pianoteq 6 supporta anche eventi come la High Resolution MIDI Velocity, per una risoluzione che tocca i 16.384 step; tra gli strumenti compatibili, segnalo il controller Infinite Response VAX77 o i pianoforti digitali Privia di Casio.

 

CONCLUSIONI

L’ultimo modello di casa Modartt mi é piaciuto molto. Nella lunga serie di modelli già presenti, mancava un pianoforte equilibrato, rotondo, pieno e brillante come questo Petrof 275. Un timbro molto caratteristico e adatto ai più svariati generi musicali. La ricerca filologica del brand francese prosegue, con nuovi tasselli che consentono al pianista di selezionare lo strumento mirato per eseguire partiture di un preciso periodo storico: se non avete mai installato il software francese e amate il genere non ci sono più scuse, il Pianoteq 6.2.2 va assolutamente provato! Buon divertimento.

 

INFO

MIDIWARE

Leave a reply