Tra i Trend del 2020 c'è la Voce Come Strumento da Rivoluzionare


E' lo strumento più antico, più classico e più comune che abbiamo sulla terra, quello che non possiamo non portarci dietro e che istintivamente ci viene da utilizzare fin dalla nascita per esprimere noi stessi.
Perchè quindi parlare della voce nel 2020 quando è lo strumento più vecchio del mondo?
Ebbene, perchè sia la tecnologia che avanza che le nuove tendenze hanno fatto si che la voce non si stia solo rivoluzionando nel suo modo di esporre i concetti, pensiamo solo al grande momento dell'hip-hop, ma anche nel modo di entrare negli arrangiamenti. Se in passato il coro, classico da opera o più moderno alla Manhattan Transfer, era l'unico modo per arrangiare, oggi tra beatbox e sintesi vocale la voce è diventata uno strumento totale, ed il 2020 è un anno in cui questo tipo di arrangiamenti vocali stanno già prendendo piede in modo importante.

 

Facciamo un viaggio attraverso quelle che sono le più nuove e contemporanee tecnologie, alcune di queste hanno appena qualche giorno di vita, per rendere gli arrangiamenti vocali super spinti verso la modernità e poter concorrere in freschezza e carica innovativa con i grandi produttori del music business.

OVox Vocal ReSynthesis - Waves

La sintesi vocale non è un concetto nuovo ma Waves quando scende in campo con un prodotto innovativo lo fa sul serio e con OVox ci consegna uno strumento davvero totale per riempire le nostre canzoni di effetti vocali creativi ed elaborati, oppure aggiungere solo un tocco di follia elettronica alla nostra voce principale o ai cori.

 

Attraverso una tecnologia chiamata Organic ReSynthesis (ORS) il software di Waves riesce a prendere la traccia di voce originale e dividerla nelle sue singole componenti di "DNA", ampiezza, intonazione e formanti. Questi elementi vengono singolarmente ri-sintetizzati per creare nuovi suoni di voce che preservino l'espressività della voce naturale ma sprigionino tutta le possibilità sonore di un vero e proprio synth.
C'è un doppio motore sonoro che può quindi gestire due layer contemporaneamente ed un synth a 8 voci che possiamo poi personalizzare con LFO, Sequencer, ADSR e modulazione, oltre ad una completa sezione di effetti appositamente studiata.
Lo sentiremo molto presto in diverse hit da classifica.

 

 

Mysteria - Native Instruments

Un altro strumento nuovissimo è Mysteria della tedesca Native Instruments. Qui la voce prende dimensioni epiche, inquietanti e particolarmente cinematiche. Difficile dire se questo strumento si adatti meglio alle colonne sonore oppure alla produzione discografica, apparentemente più alla prima opzione, ma basta farci un giro e subito si capisce come molti arrangiamenti potrebbe ricevere una carica impressionante da questo tipo di strumento.

 

Mysteria è il frutto di un lungo lavoro con diverse formazioni coristiche che sono state estensivamente campionate dal vivo per ottenere ogni tipo di suono vocale che va dalle classiche vocali epiche ai sospiri, attacchi improvvisi e momenti caotici che generano tensioni estreme negli arrangiamenti.
Il tutto è stato inserito in un doppio motore sonoro che permette poi di miscelare sue campioni differenti con la tecnica del morphing audio. Uno strumento che richiede di essere suonato e manipolato manualmente, o invoglia ad un utilizzo intensivo delle automazioni.
Anche qui una completa sezione di effetti permette di trasformare completamente le voci da strumenti melodici in strumenti ritmici oppure aggiungere modulazioni o profondità con gli ambienti.

 

Exhale - Output

Probabilmente Exhale di Output, che è uscito invece qualche anno fa, è stato il padre di tanti altri cloni usciti successivamente. L'interfaccia molto innovativa che Output ha introdotto con il suo primo Signal qui si sposa con le voci campionate che, sempre con la tecnica del morphing tra parametri e del doppio motore audio, permette di ottenere arrangiamenti vocali di ogni tipo.
Le voci si trasformano in pad, in lead synth, in bassi, in melodie distorte che ricordano le chitarre e persino in percussioni.

 

Exhale è uno strumento che abbiamo già sentito in maniera massiccia in moltissimi brani di successo e che ha riportato in auge l'utilizzo della voce in modo importante negli arrangiamenti, cambiando la prospettiva creativa ed aprendo nuovi scenari.
La sua facilità d'uso, grazie all'interfaccia di cui sopra, e la possibilità di utilizzare dei sequencer molto facili da programmare permette di creare pattern vocali inaspettati, armonie moderne ed effetti drastici che prima semplicemente era molto complicato ottenere anche per un professionista.

Ethera Gold 2.0 - Zero-G

E c'è un pezzo di italianità anche in questo articolo, e ne siamo più che contenti, perchè nel campo della voce Stefano Maccarelli - e la bravura di Clara Sorace - è un precursore. Ethera è uno degli strumenti vocali più completi che esistano in circolazione e questa versione Gold 2.0 aggiunge ulteriori possibilità.
Non ci si limita più quindi alla sole frasi e linee vocali in stile epico o cinematico che hanno sempre caratterizzato la sua produzione, ma qui c'è una libreria da oltre 25GB che spazia quasi in ogni tipo di sonorità.

 

La voce di Clara Sorace può essere utilizzata per creare delle linee vocali, o dei cori, particolarmente realistici suonando la voce proprio come uno strumento, e grazie al nuovo sistema di legato introdotto le note legano tra di loro proprio come fa un vero cantante. La voce di Clara può essere però utilizzata a 360°, con effetti, step-sequencer, modulazioni e chi più ne ha più ne metta per arrivare anche qui ad una drastica trasformazione che però mantiene quel tratto riconoscibile e, per noi, particolarmente familiare della voce umana.

Leave a reply