Giugno è il mese giusto per farsi venire voglia di comprare una nuova chitarra, un nuovo ampli o un nuovo pedale. Ovviamente qualsiasi mese dell'anno è quello giusto, non esiste limite temporale all'insaziabile fame di novità di noi chitarristi, ma l'arrivo dell'estate invoglia a suonare, con i concerti che finalmente stanno riprendendo e la possibilità di suonare live che non sembra più una pura teoria.
E allora facciamoci solleticare la voglia da questa selezione succosissima di chitarre, ampli e pedali che magari potrebbero accompagnarvi già nelle vostre prossime date.

GIBSON ACUSTICA NOEL GALLAGHER SIGNATURE

Fin dalla sua prima apparizione nel video per il classico degli Oasis "Little By Little", la Gibson J-150 non ha più lasciato Noel, che l'ha fatta diventare la sua acustica preferita. Ora Gibson ha ottenuto la collaborazione del celebre cantautore inglese per la realizzazione di un modello signature per celebrare i 20 anni con questo modello.

Noel ha detto di essere rimasto letteralmente scioccato quando ha provato il primo prototipo: "Era terribile esteticamente, ma suonava esattamente come la mia!". Ovviamente poi Gibson ha lavorato alacremente anche per rifinire la parte estetica secondo le specifiche di Noel.  E questa chitarra è stata prodotta in soli 200 esemplari per tutto il mondo con fondo e fasce in acero AA ed un top in abete Sitka con finitura a mano.

Non ve la caverete con poco, ben 4,300€ per portarvela a casa, ma se Noel è stato l'ispirazione dei vostri anni migliori, potrebbe non essere nemmeno così tanto per una chitarra di questa caratura.

ROLAND CUBE STREET II

Il busking sarà probabilmente uno dei trend dell'estate. Con le restrizioni che ancora non permettono di tornare a suonare nella completa normalità, un sacco di musicisti hanno optato per questa modalità più semplice e spontanea. Forse per questo Boss ha colto l'occasione per uscire ora con il Cube Street II, un amplificatore stereo alimentato a batteria che può quindi essere utilizzato per suonare letteralmente ovunque.

Esatto, essendo stereo ci da anche la possibilità di suonare con basi o di aggiungere sequenze o effetti stereo ed avere quella profondità sonora che solitamente manca alle performance all'aperto. Inoltre il Cube Street II ha due input, uno per strumento e uno per il microfono, effetti integrati, un looper e harmonizer ed altro ancora. Insomma un formato portatile ma estremamente potente che ci permette di avere praticamente tutto ciò che serve oltre allo strumento.
Costerà molto probabilmente 359€, più se volete c'è anche l'accessorio Bluetooth Audio MIDI Dual Adaptor da 49€ per poter mandare musica e controllarlo wireless.

AVIATE AIRPATCH, CONTROLLO WIRELESS DEI PEDALI!

Avete voglia di qualcosa di decisamente originale che farà fare un salto di qualità alla vostra follia effettistica? Allora non potete lasciarvi sfuggire l' AirPatch di Aviate, una startup di Buffalo, NY, che si è inventata questo dispositivo per avere un controllo wireless dei pedali direttamente applicabile al vostro strumento.

Si tratta di fatti di un loop switch con due connessioni send/return. Con una pressione del controller wireless si possono attivare quindi, anche solo per frazioni di secondo, tutti gli effetti contenuti nella catena send/return dell'AirPatch. Molto intelligente e tutto sommato semplice, ma capace di sbloccare delle potenzialità inesplorate dei vostri pedali preferiti. Soprattutto con i pedali di modulazione e ritardo può diventare davvero un ulteriore livello di espressività nella vostra musica.

CRAZY TUBE CIRCUITS TI:ME ECHO/DELAY

Crazy Tube Circuits è un brand che tengo sott'occhio da diverso tempo, perchè hanno messo in fila una serie di pedali davvero ben riusciti nel giro di pochi anni. Ora è arrivato il momento del TI:ME, che come suggerisce il nome non poteva che essere un Echo/Delay. A differenza però delle riproduzioni di echo a nastro, questo pedale è ispirato alle prime unità digitali a rack introdotte all'inizio della rivoluzione digitale dell'audio a metà degli anni '70. Comparate alle unità e plugin di oggi quei delay avevano una risoluzione bit più bassa e una banda passante decisamente più ridotta, e questo gli dava un suono caratteristico che è stato infuso nel TI:ME.

Con due percorsi di segnale, uno analogico ed uno digitale, questo pedale riesce a ricostruire quelle sonorità retrò mantenendo un suono caldo e dinamico. Il percorso analogico infatti ospita amplificatori operazionali di alta qualità per la miglior riproduzione del segnale dry. Come tanti pedali ormai, prendendo ispirazione dai Walrus Audio che l'hanno introdotto, anche il TI:ME ha lo switch tap-tempo pur essendo un formato standard.
Costo? 189€, nella media di questo tipo di pedali su questa qualità.

FENDER JOE BONAMASSA BLUDGEON '51 NOCASTER

Vogliamo chiudere con i fuochi d'artificio? Solo per i non deboli di cuore, vi avviso.
Fender e Joe Bonamassa hanno lavorato assieme ancora una volta. Questa volta si è trattato dell'arduo compito di riprodurre, per una edizione limitata di soli 100 esemplari, la chitarra preferita di Joe di tutta la sua incredibile collezione, la Fender Nocaster del 1951.
Dal Febbraio all'Ottobre del 1951 Fender dovette togliere il nome Broadcaster dal suo nuovo modello per una causa con Gretsch, che aveva una batteria con lo stesso nome. Per questo motivo i modelli usciti in quei mesi non riportano alcun nome. Solo poi Leo Fender deciderà per Telecaster, ma tra i collezionisti quei pochi modelli sono diventati famosi come "Nocaster".

Joe Bonamassa sette anni fa ha trovato questa chitarra da Guitar Center e se n'è innamorato subito, facendola diventare la sua chitarra prediletta, suonata poi in oltre 700 concerti. La "The Bludgeon" '51 Nocaster è una Master Built costruita dal mastro liutaio Greg Fessler che ne ha realizzato delle copie assolutamente fedeli nel look, nel feeling ed anche nel peso e bilanciamento. Sono chitarre talmente difficili da costruire, per il numero di dettagli e ore di lavoro necessari, che solo 1-2 modelli al mese lasceranno il laboratorio Fender per finire nelle mani dei fortunati collezionisti.

Questa Telecaster oltre alla finitura relic ha un corpo in tiglio in un unico pezzo con un manico a "U" in acero flat-sawn, ponte a tre sellette vintage e sellette in ottone. I pickup sono dei Seymour Duncan Custom Bludgeon '51 Nocaster realizzati appositamente, un single-coil ed un humbucker. La configurazione centrale del selettore è fuori-fase come nell'originale, una delle caratteristiche più apprezzate da Joe stesso poichè le da un suono molto personale e vintage.
Se avete 8,500$ da investire su di una chitarra, questa sicuramente sarà una di quelle che non perderanno mai valore.

Leave a reply