NAMM 2021: Amplificatori per Chitarra, trend vintage e mini


Nel mio ultimo articolo ho selezionato le uscite chitarristiche migliori di questo importante e "strano" mese di gennaio 2021 (Le migliori chitarre del 2021). Ci manca evidentemente l'appuntamento fisico ed entusiasmante del NAMM, sostituito con Believe in Music, una fiera virtuale che mette una toppa ma certamente non può sostituire l'esperienza reale. Tuttavia la maggior parte delle case ha deciso di mantenere la scadenza cronologica delle uscite, il che ci permette già di tracciare una linea di tendenza anche per il settore dell'amplificazione per questo 2021 che ci si augura sarà l'anno in cui sconfiggeremo la pandemia e la musica potrà ripartire.

 

Senza indugiare in troppi sofismi, come avete potuto leggere nel titolo, questo probabilmente sarà un anno più votato alla sobrietà ed anche ad una certa nostalgia del passato. Proprio per questo motivo già vediamo due tendenze abbastanza chiare, che già avevano preso forza negli anni passati e che ora si concretizzano a pieno: la prima è certamente, per i brand che possono farlo, una forte ispirazione ai modelli del passato, con modelli "reissue" o "vintage-inspired" che fioccano da ogni parte; la seconda, non c'è da stupirsi, è il trend fortissimo degli amplificatori mini e portatili, adatti a suonare in casa, ibridi per connettersi con tutti i nostri dispositivi, portatili e versatili.

SUPRO: LA QUINTESSENZA DEL VINTAGE

Supro è un brand classico, rilanciato bene negli ultimi anni, che ha sempre fatto del recupero della tradizione e di un certo tipo di sonorità dinamica e valvolare la sua missione apostolica nel mondo della chitarra moderna. Tutto questo però senza avere le fette di prosciutto sugli occhi capendo che oggi ci vogliono dimensioni, wattaggi e prezzi anche più accessibili.
E credo che qui abbiano fatto centro, mi si illuminano gli occhi nel vedere i nuovi Supro Delta King, che si rifanno agli ampli degli anni d'oro del jazz e del rock, con un look anni '50 incredibilmente ben riuscito. Declinato in tre modelli di potenza crescente troviamo:

  • Delta King 8 - speaker medioso da 8" ed un 1W unico di potenza. Adatto a suonare e studiare in casa e poco più, ma il suono è senza compromessi. Costo: 449$
  • Delta King 10 - 5W alimentati da delle valvole 6V6 in Classe A. Un ampli dinamico e con ottima compressione naturale. Lo speaker da 10" inizia a farsi sentire anche sulle basse, il riverbero a molla fisico e funzione high-gain e boost FET realizzate da Pigtronix. Costo: 549$
  • Delta King 12 - qui arriviamo a 15W, con una valvola triodo 12AU7 classica abbinata all'altrettanto classico speaker da 12". Più potente e versatile, ha poi le stesse caratteristiche del King 10. costo 649$

MARSHALL: RETRO' E MINI ASSIEME

 

Il Marshall SC20H Studio Classic è un po' il riassunto di questo articolo, non una vera novità ma una delle poche uscite che Marshall ha mostrato in questo ultimo periodo decisamente più conservativo dovuto anche alla forte contrazione della musica live.
Questa piccola testata è una JCM800 in formato mini che vuole portare il suono "moderno" di Marshall anche a chi di una 50W o 100W onestamente non saprebbe che farsene.
I suoni sono quelli classici, 20W di potenza sono più che sufficienti per suonare in casa o in saletta prove. La combinazione delle valvole pre ECC83 e delle finali EL34 assicura il suono aggressivo per cui la JCM800 è ben nota che si può adattare a molti generi musicali. Molto semplice nei controlli e bella nel look, sta a voi capire se gli 800€ necessari per portarla a casa fanno per il vostro portafogli.

BLACKSTAR: DIGITALE COMPATTO PER SUONARE IN CASA

Blackstar non è un brand con una tradizione che la riporta indietro nel tempo tanto da poter rispolverare modelli realmente classici, per cui per il 2021 punta decisamente sul trend del digitale compatto con una bella iniezione di tecnologia per chi suona o studia in casa o piccoli ambienti con l'ID:Core V3.
Il classico formato Blackstar con il selettore a tre voci per scegliere tra timbriche USA o UK rimane sempre, ma la parte digitale ci permette poi di accedere ad una buona sezione effetti con riverberi, delay e modulazioni. Questa versione V3 inoltre è stata migliorata con l'aggiunta della tecnologia Super Wide Stereo che garantisce un suono di chitarra più immersivo di quanto le dimensioni non permetterebbero.

 

Essendo munito di uno speaker full-range si presta ottimamente a jammare su basi o tracce da ogni dispositivo ma anche a funzionare come speaker per il gaming o l'ascolto di musica in casa. La connettività USB inoltre lo rende in grado di registrare direttamente in un computer proprio come un'interfaccia digitale.
I voicing sono sei: due clean, due crunch e due suoni overdrive, abbastanza per suonare praticamente tutto, tranne i generi estremi. Tutto declinati in tre modelli di dimensioni crescenti che indicano nel nome già il wattaggio: Stereo 10 V3, Stereo 20 V3 e Stereo 40 V3.

VOX: PICCOLO, SMART E OVUNQUE

Anche Vox annuncia una novità che segue pienamente il trend della mobilità e dello svago, più che un amplificatore in grado di supportare veri e propri concerti. Vox Mini Go è una nuova serie di amplificatori davvero ridotti al minimo per essere pratici e iper-portatili. Tre modelli da 3, 10 e 50W che offrono la tecnologia digitale VET con 10 emulazioni di amplificatori, un looper da 40 secondi, 33 ritmi integrati e una gamma di effetti per completare il tutto. Questi ampli possono essere alimentati sia nel modo classico che attraverso una batteria USB esterna, e questo dice già tutto sulla loro vocazione. Prezzi: Vox Mini Go 3v- 170$, Vox Mini Go 10 - 230$ e Vox Mini-Go 50 - 300$.

FENDER: VALVOLARE ANNI '60 E MICRO AMPLI PER CUFFIE

Anche Fender non sfugge per nulla al mio fil rouge che ci ha portato fin qui in fondo. Le novità principali di quest'inizio d'anno sono due modelli reissue ostinatamente valvolari e anni '60 ed un micro amplificatore digitale per cuffia.
’68 Custom Pro Reverb è un ampli da 40W con uno speaker 12" Celestion Neo Creamback, singolo canale e due input. Una reissue in pieno stile vintage con tanto di riverbero e tremolo classici. Un combo quindi adatto a chi vuole proprio quel tipo di sound certificato, versatile e ultra-riconoscibile. E che vuole anche pagarlo il suo prezzo di 1,500€.

’68 Custom Vibro Champ invece è votato ai volumi più ridotti, con soli 5W per suonare in casa ed esercitarsi senza farsi denunciare. Qui abbiamo un cono da 10" e i classici riverbero e tremolo tipici degli ampli valvolari di quel periodo. Controlli essenziali e prezzo di 900€.

Completamente un altro discorso per il nuovo Mustang Micro che invece punta sul digitale per dare la possibilità di suonare ovunque, silenziosamente ed essere pronti in pochi secondi. E' un piccolo amplificatore per cuffia che si inserisce direttamente nell'uscita jack della chitarra e può essere usato con un paio di cuffie o, all'occorrenza, anche con degli speaker. La connettività Bluetooth permette di suonare facilmente sulle basi, mentre i 12 modelli di amplificatori integrati e 13 effetti permettono di spaziare nei generi e stili avendo a disposizione ciò che serve e niente di più.
Si ricarica via USB ed ha un prezzo di 99€.

Leave a reply