Quattro Parole Per Eddie Van Halen


Se potessi trascrivere a parole uno di quei suoi fischi, una di quelle dive bomb che ci ha insegnato a fare con la chitarra lo farei. Sarebbe il saluto migliore forse, quello con cui lui, che aveva sempre una gioia immensa nel suonare, avrebbe desiderato allontanarsi da noi.
Eddie Van Halen è stato semplicemente uno dei chitarristi più grandi della storia, uno di quei musicisti senza il quale questo strumento magnifico non sarebbe lo stesso.

 

Da ragazzino consideravo un clichè quando i miei insegnanti mi dicevano che esistono due momenti di svolta nella crescita di un chitarrista rock, quando incontra Jimi Hendrix e quando incontra Van Halen. Oggi so quanto avevano ragione, e non perchè tutti siano diventati emuli di Eddie, ma perchè la capacità di rompere le barriere che hanno avuto questi due giganti è d'ispirazione per chiunque suoni. Vedere oltre, andare oltre ciò che vedono gli occhi e seguire l'istinto verso nuove strade dell'espressione umana.

 

 

Faccio mie le parole di un'altra leggenda della chitarra, un altro che le barriere le ha spostate e le sfida continuamente: Steve Vai. In un post ieri sera Steve scrive: "Sento una grande tristezza e tremenda riconoscenza. La gratitudine ed il bene per lui è davvero grande. Prendiamoci un minuto e proviamo ad immaginare il nostro mondo se lui non ci fosse stato.
Inimmaginabile.
Grazie Re Edward. Sei molto amato e ci mancherai."

 

Eddie non era solo un chitarrista fenomenale, negli anni aveva saputo applicare la regola d'oro che quando arrivi in cima devi ricordarti di chi è ancora in fondo, di restituire un po' di quello che la vita ti ha dato. Solo 3 anni aveva donato ben 75 chitarre della sua collezione per aiutare a suonare chi non se lo poteva permettere, regalando questi strumenti, che sul mercato avrebbero potuto valere molto solo per il fatto di essere stati usati da una leggenda come lui, a programmi di educazione musicale nelle scuole meno agiate e nelle carceri.

Posso chiudere con le quattro parole che avevo annunciato nel titolo di questo articolo, un breve saluto che riassume ciò che credo in molti pensiamo e ricorderemo.

Grande Anima Grande Musicista

Leave a reply